De Luca contro Arcuri sulle dosi di vaccini: “Mercato nero”

Grave scontro tra il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, contro il commissario straordinario Domenico Arcuri. Il tema quello legato al taglio delle dosi di vaccino anti-Covid, con la regione Campania che ha fatto delle accuse ad Arcuri sulla gestione delle consegne. De Luca ha definito un “mercato nero dei vaccini” la situazione attuale in Italia, dando le colpe al commissario straordinario.

Sui tagli delle dosi di vaccini si sta ancora oggi discutendo in tutta Europa, col tema della sesta dose che rimane in piedi, dopo che anche dal Belgio confermano il calo del 20% delle dosi consegnate. Sembra che l’azienda Pfizer possa aver deciso di adattare le nuove fiale da consegnare alle sei dosi, ma su questo ancora non ci sono conferme ufficiali, ma diversi articoli europei.

Da questo punto di vista De Luca va all’attacco di Arcuri, in vista delle riduzioni che ci saranno per la Campania. “La Campania ha ricevuto 135 mila vaccini, tenuto conto della riduzione del 10%, mentre Emilia-Romagna 185 mila dosi ed il Lazio 179 mila vaccini”, queste le parole di De Luca, che vanno contestualizzate in un contesto europeo di riduzioni generalizzate.

La prima spiegazione che era stata data per le riduzioni riguardava un lavoro di potenziamento delle strutture, per poter arrivare a 2 miliardi di dosi nei prossimi mesi, invece degli attuali 1,3 miliardi.

Giovanni Capua

Laureato in lettere appassionato di attualità e politica e residente a Napoli. Via Enrico Fermi 14, 80122 NA - Mail: giovanni@lacronacadinapoli.it