Napoli; domani la ripresa ma a ranghi ridotti- Verso firma della convenzione San Paolo

Ancelotti in questo momento delicato della stagione del Napoli avrebbe bisogno di disporre dell’intera rosa negli allenamenti di Castel Volturno. Ci sono tante cose da chiarire tra l’allenatore e la squadra e soprattutto numerosi sono gli interventi, non solo di natura tecnico-tattica, che Ancelotti dovra’ attuare per raddrizzare la situazione. La sosta del campionato per gli impegni delle Nazionali, pero’, non aiuta il tecnico di Reggiolo. Sono complessivamente 12 gli azzurri convocati e al momento sparsi qua e la’ in vari continenti. Per riaverli tutti a disposizione e cominciare a preparare la gara con il Verona, l’allenatore dovra’ aspettare la meta’ della prossima settimana. Domani, comunque, e’ fissata la ripresa della preparazione ma ovviamente sara’ presente solo chi non e’ stato convocato in Nazionale e non e’ infortunato. Particolare attenzione sara’ riservata, appena possibile con tutta la rosa, a un approfondimento sulla condizione atletica dei calciatori che nelle ultime partite disputate e’ apparsa deficitaria. In questo senso Ancelotti per cercare di dare una svolta positiva dovra’ lavorare in sinergia con lo staff dei preparatori. Oggi, intanto, e’ arrivata la notizia che dovrebbe essere imminente la firma della convenzione tra Calcio Napoli e Comune per l’utilizzazione dello stadio San Paolo. ”Il problema piu’ importante – ha detto l’assessore allo Sport del Comune di Napoli, Ciro Borriello ai microfoni di Radio Kiss Kiss – e’ stato risolto con il pagamento da parte del Napoli di vecchie pendenze, che si aggiravano intorno ai 4 milioni e 200 mila euro. Ora la firma diventa davvero una formalita’ burocratica”. ”Ci sono – ha aggiunto l’assessore – elementi di modernita’ in questa convenzione relativamente a tutta una serie di attivita’ che sono state definite e che potranno essere molto importanti per i prossimi anni”. La convenzione per il San Paolo avra’ una durata di 5+5 anni. La manutenzione dei maxischermi dovrebbe toccare al Napoli. La convenzione prevede anche che dal primo giorno utile dopo l’ultima gara del Napoli in casa c’e’ un periodo entro il quale si possono organizzare concerti.
Cronache della Campania@2019

Fonte