Connect with us


Quartieri

Vomero: di nuovo “immobili” le scale di via Morghen e di via Cimarosa

Published

on

“Anche ieri, per giunta di domenica, si sono fermate, tornando di nuovo “immobili” – ironizza con amarezza Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni sta conducendo delle vere e proprie battaglie per comprendere i motivi per i quali le tre scale mobili del sistema intermodale di collegamento tra le funicolari e il metrò collinare al Vomero funzionano a singhiozzo -. A bloccarsi, con maggiore frequenza, sono le scale che si dipartono da via Morghen, creando non pochi disagi, costringendo le tante persone che devono raggiungere la zona alta con la stazione superiore della funicolare di Montesanto, pure anziani e massaie con pesanti borse, a salire le non agevoli scale di piperno. Come se non bastasse, negli ultimi tempi, si sono aggiunti anche i frequenti fermi di un’altra rampa, quella posta in via Cimarosa, a fianco della stazione superiore della funicolare Centrale, anch’essa molto utilizzata pure dai turisti che, arrivati in piazza Fuga, vogliono raggiungere l’area di San Martino, per visitare i suoi monumenti e osservare il panorama della Città che si può ammirare dal piazzale “.

“ In verità, forse per non creare disparità di trattamento, sono ferme entrambe, per la precisione sia la scala in via Morghen che quella in via Cimarosa – puntualizza Capodanno -. Per giunta non è dato sapere da cosa sia determinato questo nuovo stop dal momento che nessun avviso è stato posto nei pressi delle due scale interessate. Dunque non si capisce bene quali siano in questo caso le motivazioni della chiusura, vale a dire se si tratti di un guasto tecnico o di altra tipologia di problematiche “.“Aggiungo – prosegue Capodanno – che, proprio per mancanza d’informazioni al riguardo, nulla si sa anche sulla durata di quest’ennesimo disservizio. Aspetto che interessa molto di più alle migliaia idi utenti che sono quotidianamente appiedati dal fermo degli impianti “. Capodanno chiede ancora una volta che venga fatta piena luce, attraverso le opportune indagini, da parte degli uffici competenti, sui motivi di questi continui fermi del sistema intermodale di collegamento tra il metrò collinare e le funicolari, costituito appunto dalle tre rampe di scale mobili, sistema inaugurato nell’ottobre del 2002. Eppure, paradossalmente, il suo funzionamento si è, sino ad oggi, contraddistinto più per i periodi, anche lunghi, durante i quali è stato, seppure parzialmente, chiuso al pubblico, che per i periodi durante i quali ha svolto regolare continuo servizio.

Continue Reading

Quartieri

Napoliboxe, i successi non finiscono mai

Published

on

Per il sesto anno consecutivo la Napoliboxe si conferma prima società della città di Napoli nella graduatoria federale della FPI che tiene conto dell’attività svolta, dei risultati ottenuti e delle riunioni organizzate nel corso dell’anno solare. La classifica 2018 della Federazione Pugilistica Italiana, infatti, vede la palestra di vico Sottomonte ai Ventaglieri al sesto posto in regione, prima nella città di Napoli come ormai è consuetudine. Una conferma del lavoro svolto sul ring dal maestro Lino Silvestri, che continua a far crescere atleti di livello nazionale in un quartiere difficile della città, infondendo i sani valori dello sport in ragazzi provenienti quasi sempre da quartieri disagiati della città. Un ruolo sociale fondamentale che va a braccetto con quello educativo grazie anche alle lezioni svolte in orario curriculare nelle scuole, a partire dall’Istituto Casanova dove a dicembre si è svolta una manifestazione internazionale con protagonista una delegazione di pugili polacchi. “Non possiamo che essere soddisfatti per questo ulteriore riconoscimento che arriva a breve distanza dalla Stella di Bronzo del Coni e dopo il conseguimento della Stella AIBA di secondo livello che permette di poter salire sul ring come tecnico in occasione degli incontri internazionali – spiega il maestro Lino Silvestri -. Sono attestati che fanno piacere perché danno valore al lavoro che svolgiamo quotidianamente da oltre vent’anni in una delle zone più difficili della città, riuscendo però a trasmettere i valori educativi attraverso lo sport a centinaia di ragazzi, in palestra e nelle scuole dove operiamo. Questi risultati sono la conferma dell’importanza del valore sociale dello sport, un aspetto che per noi viene prima del risultato agonistico e che permette ai giovani atleti di crescere con principi sani che possono aiutarli sul ring e nella vita”.
Cronache della Campania@2018

Continue Reading

Quartieri

Napoli, ristoratore aveva reagito alla rapina, picchiato e accoltellato: preso uno dei banditi

Published

on

Napoli. Gli agenti della VI Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare agli arresti domiciliari emessa dall’Ufficio del GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di Antonio Macor, di 34 anni. Nella notte di settembre del 2017 a Piazza Carità una Volante aveva notato una persona sanguinante al volto, che poco prima era stata vittima di una tentata rapina. In particolare due uomini armati si erano avvicinati in sella ad uno scooter alla vittima tentando di rapinarla dell’incasso del suo ristorante. Alla sua reazione, l’uomo veniva colpito ripetutamente alla testa con il calcio della pistola e con un coltelo al polpaccio della gamba destra. Le immediate indagini degli agenti della Squadra Mobile, sostenute in particolar modo dall’analisi delle immagini del sistema di videosorveglianza, hanno consentito all’Autorità Giudiziaria di emettere il provvedimento restrittivo che è stato notificato al napoletano. Macor è indagato per i reati in concorso di tentata rapina, lesioni aggravate, detenzione illegale di armi.
Cronache della Campania@2018

Continue Reading

Quartieri

Barra. La compagnia teatrale ‘Facimmece na risata’ per il quartiere e per il sociale. Spettacolo di beneficenza a maggio prossimo

Published

on

Nel maggio del 2012, nella periferia est di Napoli, nasce la compagnia teatrale “Facimmece Na risata” che, per volontà di Giuseppe Ferraro, mette insieme un gruppo di ragazzi co la passione per il teatro e crea a Barra (via Egidio Velotti 20), una realtà che da sette anni opera sul territorio e tramuta in bellezza la realtà barrese, una realtà non facile da vivere soprattutto per i più giovani. La compagia è composta da ragazzi dai 16 ai 27 anni e ha due parole d’ordine che sono diventate un must: “sociale” e “quartiere”. Queste due parole insieme permettono alla compagnia, attraverso le rappresentazioni teatrali, di aiutare le parrochhie e le associazioni del quartiere.
Al momento in pentola bolle il prossimo lavoro, “Nemmeno pe’ tutto l’oro e stu munno”: spettacolo in due atti scritto, diretto e recitato da Giuseppe Ferraro con Mario Capaccio, Simona Terracciano, Simone Maddaluno, Marco Maddaluno, Nicola Coppola, Raffaele Improta e Alessia Rea. Andrà in scena a maggio al teatro Grimalddi di via Stigliola e prossimamente saranno note anche le date.
L’intero incasso sarà devoluto alla parrocchia Maria Santissima di Caravaggio, guidata da padre Enzo Gallesi, che ha subito un grave danno al tetto.
Cronache della Campania@2018

Continue Reading

Articoli più letti

Questo è il sito web dedicato alla Cronaca di Napoli della testata giornalistica Cronachedellacampania.it Registrazione al Tribunale Torre Annunziata n.1301/2016 Registro Stampa n. 7. I contenuti,le immagini e i video appartengono ai rispettivi proprietari eccetto dove specificato diversamente.